submit


Lola Deja-Vu Delgadillo Vargas ha iniziato la sua lunga carriera come un lavoratore di sesso in Messico all’età di. Dopo il coming out con la sua famiglia come transgender, aveva un posto dove andare. Sesso lavoro è stato come è sopravvissuta. Ora, dopo anni, Lola è diventato una forza per il cambiamento. Il segretario generale dell’associazione no profit Agenda Nacional Politico Trans de México (Nazionale Trans Agenda Politica del Messico, o ANPT), lei è un fiero sostenitore di dignità e di uguaglianza per i lavoratori del sesso e le persone LGBTQ in Messico. Un paio di settimane fa, ho avuto il privilegio di parlare con Lola via Skype. Ecco il suo racconto, che è anche la storia di una lotta, e le organizzazioni che hanno presa. Nota: questa intervista è stata condotta in spagnolo ed è stato tradotto e curato per la chiarezza e la lunghezza. Dopo la prima settimana ho iniziato come un lavoratore di sesso, ho sofferto di abusi dei diritti umani da parte di istituzioni pubbliche. La polizia avrebbe colpito noi, abuso di noi, ci blocca il backup di tutti, sotto il pretesto che siamo stati la diffusione dell’HIV. Abbiamo iniziato a informarsi e a difendere noi stessi. Abbiamo lavorato con il sesso, le organizzazioni dei lavoratori per educare le persone che non eravamo la diffusione dell’HIV. I nostri corpi erano i nostri strumenti, se il nostro corpo ha smesso di funzionare, non siamo riusciti a fare una vita. Da allora, ho lavorato per oltre un anno per organizzare e proteggere i lavoratori del sesso. Siamo sempre di aiutare i nostri colleghi sanno quali sono i loro diritti, perché se noi non difendiamo l’autorità può estorcere noi, ci blocca, etc. Ma dopo un po abbiamo capito che non possiamo aiutare le persone a difendersi, anche noi abbiamo bisogno di cambiare la legge. La cosa più grande che abbiamo sostenuto è che il sesso è il lavoro, come qualsiasi altro lavoro. In vista della società noi come a piedi vagine, a pochi peni, a piedi bocche. Ecco perché ci sono così tanti omicidi di lavoratori del sesso. Perché la gente a guardare, come oggetti e non come persone con diritti. Siamo sempre ribadendo che, proprio perché siamo i lavoratori del sesso, non abbiamo smesso di essere un essere umano. Beh, è davvero tre organizzazioni, che lavorano insieme verso obiettivi simili: ANPT, il Movimento de Trabuco Sessuale de México (Messico Sesso del Movimento operaio), e de Rossi Azione Caudatan México Varie (di Cittadini, di Azione di Rete per una vasta Messico). Soprattutto, siamo in lotta per proteggere il sesso dei diritti dei lavoratori. E le organizzazioni sono condotte dai lavoratori del sesso. Abbiamo lavorato con il governo federale e il governo di Città del Messico per anni. Abbiamo assicurarsi che la normativa considera i lavoratori del sesso e della diversità sessuale. Per esempio, quando sono stati la creazione di Città del Messico costituzione, abbiamo voluto parlare di sesso. C’è anche una legge generale sulla tratta di esseri umani che criminalizza i lavoratori del sesso, quindi lavoriamo per difendere i nostri diritti umani. Quest’anno, uno dei nostri trans colleghi, è stato assassinato a Città del Messico. La polizia era lì, e hanno detenuto la persona che l’ha fatto. Ma quella stessa notte lo hanno liberato, sotto il pretesto che la donna morta non aveva presentato una denuncia. Dopo di che, perché la gente ha capito che ci sarebbe nessuna conseguenza, ci sono stati omicidi in pochi giorni. Siamo andati al governo e chiedono giustizia. Dal primo omicidio, l’ultimo, c’è stato un grande cambiamento l’ultimo caso era un file con più pagine (la prima aveva solo alcune). Hanno rispettato la sua come una persona reale a causa del nostro lavoro. Tre mesi più tardi, c’è stato un altro omicidio. I nostri colleghi visto i passi che aveva preso, quindi, hanno chiesto che l’autorità di fermare la persona che aveva ucciso i suoi. Abbiamo visto i nostri colleghi ad acquisire il potere. Ci hanno detto, non abbiamo mai pensato che il tuo lavoro è stato così necessario. Ma ora, se qualcuno è discriminato, sanno già come fare un reclamo che abbiamo non è più necessario dire loro come. E incredibile vedere che adesso possono rivendicare i loro diritti. C’è inoltre è stato un altro cambiamento. Qui a Città del Messico non dare assistenza alle persone trans o prostitute, ma grazie al nostro lavoro, ora sono in grado di ottenere quei benefici. Ora, se qualcuno non può funzionare perché sono stati feriti dalla violenza domestica, si può ottenere un aiuto psicologico e uno stipendio ogni mese. Non è molto, ma li aiuta a sopravvivere. Ho lavorato per anni contro corrente. La gente ha cercato di uccidere me più volte. Non abbiamo mai avuto il supporto. Ora abbiamo il supporto, grazie a organizzazioni come la Quercia Fondazione e dell’ANCA. È un passo enorme. Il momento di Rovere iniziato a sostenere noi ci siamo fermati bisogno di preoccuparsi di come stavamo andando a mangiare il giorno successivo. Ci ha offerto uno stipendio e ci ha permesso di iniziare a concentrarsi sulla professionalizzazione del nostro lavoro. Da allora, siamo cresciuti da un team di due a otto. Abbiamo i computer, telefoni cellulari e di internet. Siamo diventati un punto di riferimento per il governo federale e i governi locali, e i governi di altri stati. Abbiamo contribuito a creare protocolli per la polizia federale, il la magistratura, e la salute segreteria su come rispettare i diritti dei lavoratori del sesso. Noi abbiamo sempre detto che non vogliamo tolleranza ci vuole rispetto. Non è sufficiente per le persone a non uccidere, a non abusare di noi. Noi vogliamo che la gente ci rispettano. Persone dicono che il sesso è la più antica professione del mondo. Ci sono altri vecchi processi di pesca, di caccia, ma il sesso è una parte importante della storia dell’umanità. Non perché noi vendiamo il nostro corpo, ma perché vendiamo una società di servizi. Facendo questo, siamo non smette di essere persone. Molti di noi, i lavoratori del sesso sono madri, padri, bambini che dipendono da noi. Ogni volta che la gente ci fanno male, possono anche ferire gli altri. Lola Deja-Vu Delgadillo Vargas ha iniziato la sua lunga carriera come un lavoratore di sesso in Messico all’età di. Dopo il coming out con la sua famiglia come transgender, aveva un posto dove andare. Sesso lavoro è stato come è sopravvissuta. Ora, dopo anni, Lola è diventato una forza per il cambiamento. Il segretario generale dell’associazione no profit Agenda Nacional Politico Trans de México (Nazionale Trans Agenda Politica del Messico, o ANPT), lei è un fiero sostenitore di dignità e di uguaglianza per i lavoratori del sesso e le persone LGBTQ in Messico. Un paio di settimane fa, ho avuto il privilegio di parlare con Lola via Skype. Ecco il suo racconto, che è anche la storia di una lotta, e le organizzazioni che hanno preso. Nota: questa intervista è stata condotta in spagnolo ed è stato tradotto e curato per la chiarezza e la lunghezza. Dopo la prima settimana ho iniziato come un lavoratore di sesso, ho sofferto di abusi dei diritti umani da parte di istituzioni pubbliche. La polizia avrebbe colpito noi, abuso di noi, ci blocca il backup di tutti, sotto il pretesto che siamo stati la diffusione dell’HIV. Abbiamo iniziato a informarsi e a difendere noi stessi. Abbiamo lavorato con il sesso, le organizzazioni dei lavoratori per educare le persone che non eravamo la diffusione dell’HIV. I nostri corpi erano i nostri strumenti, se il nostro corpo ha smesso di funzionare, non siamo riusciti a fare una vita. Da allora, ho lavorato per oltre un anno per organizzare e proteggere i lavoratori del sesso. Siamo sempre di aiutare i nostri colleghi sanno che cosa sono i loro diritti, perché se noi non difendiamo l’autorità può estorcere noi, ci blocca, etc. Ma dopo un po abbiamo capito che non possiamo aiutare le persone a difendersi, anche noi abbiamo bisogno di cambiare la legge. La cosa più grande che abbiamo sostenuto è che il sesso è il lavoro, come qualsiasi altro lavoro. In vista della società noi come camminare vagine, a pochi peni, a piedi bocche. Ecco perché ci sono così tanti omicidi di lavoratori del sesso. Perché la gente a guardare, come oggetti e non come persone con diritti

About